Storia

Vicino al borgo di San Giovanni d’Asso sorge la chiesa di San Pietro in Villore, autentico esempio di stile romanico senese con influenze sicuramente lombarde e francesi. 

Le figure di donna con coda di pesce comparvero tra i simboli del medioevo romanico tra il X ed il XIII secolo. È facile incontrarne alcuni esempi nella nostra provincia.

Siena può vantare un Rinascimento davvero precoce, grazie a un’erudizione che aveva legato da subito la nostra città a Roma, anche per contrapposizione alla nemica di sempre, Firenze.

Con questo piccolo approfondimento vorrei far conoscere alcune cose che legano da secoli la città di Siena a quella della lontana Galizia, dove da mille anni si venera San Giacomo il Maggiore.

Questa è la storia di un’importantissima ed antichissima Pieve che ha ormai perso da oltre duecento anni la sua funzione religiosa dopo essere stata traslata nella chiesa di Serravalle, nel Comune di Buonconvento.

Ricostruire la storia di un’antica campana è assai difficile, ma per fortuna questa volta ci sono riuscito. Si tratta di quella grandissima fatta costruire dal rettore del Santa Maria della Scala per la Grancia di Cuna nel 1454.

Una tappa talmente irrinunciabile che anche le guide, sollecitate dai clienti o per loro scelta lavorativa, non lesinano ad accompagnarvi i curiosi visitatori.

Notizie certe di queste Cappella ci giungono soltanto a partire dal XVIII° secolo, ma molto probabilmente essa ha origine almeno dalla seconda metà del XVI° secolo.

Intorno alla metà del XIII° secolo, il Comune di Siena decise di allargare la propria cinta muraria in modo da inglobare alcuni quartieri che si erano fortemente popolati.

In pochi conoscono la storia dell’Ordine di Sant’Antonio da Vienne nato in Francia ma soprattutto in molti ignorano che fu presente anche a Siena.

Castiglion del Bosco, che fu uno dei tanti castelli della repubblica senese, oggi si trova nel Comune di Montalcino e fu fondato dai Cacciaconti sul finire del XII secolo.