Senti che storia!

Chiunque abbia provato a sequestrare con le immagini l’essenza della città sa la difficoltà di imprigionare le emozioni, di strappare l’attimo e chiuderlo in pellicola. 

Era l’estate del 2005 e il commissario Luigi de Pedris era appena giunto a Siena da Torino, la città in cui era nato e cresciuto. Aveva chiesto il trasferimento per cercare di trovare la forza di reagire.

Semplicemente Adù dalla Tartuca e, se lo volevi, lo trovavi sempre nei soliti posti.